Presentazione tour

Questo viaggio organizzato in bici porta, in 8 giorni, tra le principali città e mete del Veneto.
Iniziando da Abano Terme, presto si comincia a pedalare sulla ciclabile molto scenografica che porta verso Padova e Vicenza tra le architetture palladiane famose in tutto il mondo.
Da Vicenza poi si continua verso Marostica, famosa per i suoi scacchi “umani” e Bassano del Grappa, dove il Ponte Vecchio conserva ancora i segni della seconda guerra mondiale. Proseguendo nelle colline e nei vigneti locali, si arriva a Asolo e poi Treviso e poi Mestre, porta di accesso a Venezia.
A Venezia è dedicata un’intera giornata di esplorazione per ammirare questa splendida e misteriosa città unica al mondo. Pedalando poi al Lido di Venezia si raggiunge Chioggia, da dove un percorso agricolo tra natura e antichi borghi riporta verso Abano Terme.


SlowirItinerario

GIORNO 1: Arrivo in hotel e accoglienza
Dal pomeriggio è previsto l’arrivo con mezzi propri all’hotel Ariston Molino di Abano Terme, accogliente hotel termale, in serata vi raggiungerà la nostra cicloguida per illustrarvi il tour.

GIORNO 2: Abano Terme - Padova - Vicenza, tra i colli Euganei e Berici. Lunghezza 60 km
Padova è raggiungibile in mezz’ora attraverso una piacevole pista ciclabile ricavata sull’argine del Canale Battaglia. Quest’ultimo è un naviglio tra i più antichi d’Italia, anche in questo caso non mancano le ville venete, come la magnifica villa Molin opera dell’architetto Scamozzi. Nei pressi del Bassanello si segue quello che entra in città. Padova è una città di fede, scienza ed arte. Questa fama è dovuta alle figure di grandi personalità del passato: il santo Antonio le cui spoglie, venerate da milioni di fedeli, sono conservate all’interno della Basilica francescana, Galileo Galilei astrofisico professore dell’antica Università, e Giotto il più grande degli artisti che affrescarono chiese e palazzi padovane a cavallo dei secoli XIV e XVI. Da non perdere la cappella degli Scrovegni. Dopo aver visitato il centro storico si ritorna a ritroso per risalire le acque del Bacchiglione. I quaranta chilometri che dividono Padova da Vicenza sono un percorso arginale piacevole perché offre la possibilità di godere
Giunti a Longare si suggerisce una deviazione verso la località Costozza impreziosita da notevoli ville venete. Una comoda pista ciclabile conduce in sicurezza il turista a Vicenza il cui arrivo è anticipato dall’alto campanile del Santuario del Monte Berico e da due opere di Andrea Palladio: villa Capra Valmarana “La Rotonda” e il vicino Arco delle Scalette.

GIORNO 3: Vicenza - Marostica - Bassano del Grappa. Prati e Risorgive. Lunghezza 45 km
Tra Vicenza e Bassano del Grappa si snoda un percorso ricco di suggestioni paesaggistiche ed artistiche. Lasciata la città i cicloturisti possono pedalare immersi in un territorio di grande interesse dove nascono fiumi e canali grazie alle numerose risorgive. In località “Bosco di Dueville”, area protetta di alto pregio ambientale nasce il fiume Bacchiglione, Tra le particolarità del luogo vi sono Villa Monza, residenza municipale, Villa Da Porto Casarotto con l’annessa cappella gentilizia e Villa Da Porto Pedrotti. Proseguendo nel nostro itinerario in direzione Bassano del Grappa, incontriamo Sandrigo paese conosciuto anche perché mantiene viva la tradizione della preparazione del famoso baccalà alla vicentina, piatto tipico che viene celebrato nella festa ad esso dedicata ogni anno in settembre. Lasciata Sandrigo, ecco Marostica, che accoglie i visitatori con la sua cinta muraria e i suoi castelli. Famosa in tutto il mondo per la partita a scacchi che ogni due anni si svolge nella bellissima Piazza degli Scacchi, Marostica è conosciuta anche per le produzioni tipiche. Ricordiamo le ciliege, alle quali ogni anno viene dedicata una mostra. La tappa si conclude a Bassano del Grappa, importante città della Provincia di Vicenza che stupisce ed incanta chi la scopre, con le sue peculiarità architettoniche e paesaggistiche. La città, posta lungo il fiume Brenta e ai piedi del Monte Grappa è famosa per il Ponte di legno progettato da Palladio e divenuto il simbolo degli Alpini. È una città da gustare percorrendo le sue piazze, scoprendo la Cinta Muraria del Castello degli Ezzelini o visitando i suoi musei e ammirando la bellissima veduta del Brenta e
delle montagne dal celebre ponte. Un bicchierino di grappa a fine giornata è la giusta ricompensa per la quarta tappa di questo viaggio attraverso il Veneto

GIORNO 4: Bassano del Grappa - Treviso. Ai piedi dei Colli Asolani e del Montello. Lunghezza 65 km
Lungo il percorso sul versante sinistro si è accompagnati dal profilo dei Colli Asolani: qui in un incantevole paesaggio agreste si producono ottimi vini rossi e bianchi, questa è l’unica tappa con alcune salite anche se non particolarmente difficoltose, ma necessarie come quella per raggiungere uno dei Borghi più belli d’Italia: la romantica ed elegante Asolo:
“La città dai cento orizzonti”, che si staglia con la forma imponente della sua Rocca su un rigoglioso paesaggio di ulivi e cipressi. A poca distanza si trova Maser, borgo conosciuto per l’omonima villa palladiana, gioiello dell’architettura cinquecentesca, e per le sue ciliegie i cui fiori, tra marzo e aprile, imbiancano le colline. Giunti a Montebelluna bastano poche pedalate per lasciare l’atmosfera cittadina e immergersi in un contesto naturale ricco di storia: ecco il Montello. Questa collina adagiata sulla pianura trevigiana è una meta ideale per piacevoli escursioni allietate da soste in agriturismo. L’ultimo tratto di strada attraversa il territorio della Marca in aree dove la storia si mescola con la modernità; percorsi secondari conducono a Treviso il cui centro storico è racchiuso all’interno dell’originale cinta muraria rinascimentale.

GIORNO 5: Treviso - Mestre. Lunghezza 50 km
Dal Sile alla Laguna. L’ultima tappa dell’itinerario prende il via da Treviso, incantevole città tutta da scoprire nei suoi angoli suggestivi: canali lungo i quali
passeggiare ammirando le facciate delle case affrescate, vicoli e piazze, tra tutte Piazza dei Signori (2) con il Palazzo dei Trecento. Seguendo lo scorrere del Sile (3), il fiume di risorgiva più lungo d’Europa, ci si inoltra nella gradevole discesa verso la Laguna di Venezia. La portata d’acqua costante e la corrente moderata lo hanno reso sempre navigabile e facilmente sfruttabile a fini idraulici, come testimoniano i numerosi mulini. Lungo le sue rive si susseguono centri d’interesse come Casier, fin dai tempi più remoti centro d’interscambio commerciale tra la campagna e la laguna, dove è possibile ascoltare i rintocchi di un originale orologio ad acqua (idrocronometro); successivamente si incontra Casale sul Sile, punto strategico per il controllo dei traffici fluviali come
testimonia la torre medioevale voluta nel Trecento dai nobili Carraresi. La possibilità di degustare i prodotti tipici ammirando il fiume rende obbligatoria una sosta in uno di questi centri. Siamo nella patria del radicchio rosso di Treviso, detto “spadone”, coltivato a Dosson con le tecniche di imbiancamento,
note fin dalla metà dell’Ottocento. Questi luoghi offrono non solo il pregiato radicchio: la Strada dei vini del Piave, invita il turista a visitare i paesaggi vitati e le tenute rigogliose che appartenevano alla Repubblica Serenissima. Raggiunta Quarto d’Altino, la brezza del mare porta i profumi della laguna ed
alcuni cartelli turistici segnalano il passaggio dell’antica via Annia. A poca distanza dal moderno centro abitato sorge l’area archeologica di una città di porto costruita dai Romani. Con le distruzioni barbariche la città fu demolita e gli abitanti si rifugiarono in laguna contribuendo a fondare Venezia (1). La città lagunare è affascinante meta di questo itinerario ad anello attraverso gli antichi domini della Serenissima.

GIORNO 6: Giornata libera per visitare Venezia
Questa giornata, sarà dedicata non alla bicicletta ma al passeggio, visto che il percorso non la può attraversare se non a piedi o in barca, vogliamo che abbiate la possibilità di passare una giornata nella bellissima Venezia, quindi giorno libero per andare a perdersi nella calli o nelle fondamenta più nascoste, visitare la piazza di San Marco o Il palazzo Ducale, gustare i cicchetti accompaganti da un bicchiere di vino come è consuetudine dei veneziani, insomma perdersi in questa città è la cosa migliore per scoprirla.

GIORNO 7: Venezia - Chioggia. La ciclovia delle isole. Lunghezza 28 km
Dopo aver visitato il centro storico lagunare, rigorosamente a piedi, si raggiunge l’imbarco ACTV del Tronchetto per salire sul ferry boat diretto al Lido di Venezia. Scesi in prossimità della chiesa di S. Nicolò si inizia a pedalare verso l’estremità nord dell’isola seguendo la segnaletica E5, il percorso infatti è lo stesso dell’escursione “Ciclovia delle isole di Venezia”. Nell’isola del Lido meritano una visita la chiesa di San Nicolò e poco più avanti, l’antico e monumentale Cimitero Ebraico.
In breve si raggiunge il lungomare Marconi, dove si affacciano i palazzi più prestigiosi del centro turistico: il Gran Hotel des Bains, il Casinò, il palazzo della Mostra del Cinema e il singolare palazzo moresco del Grand Hotel Excelsior. Oltrepassato il centro si sale sul percorso ciclo-pedonale ricavato a ridosso dei Murazzi, un sistema di barriere posto a difesa dell’isola dalle mareggiate.
Si arriva così al centro storico di Malamocco, dove tra calli e campielli si respira un’atmosfera tipicamente veneziana. Lasciato il piccolo centro si raggiunge l’oasi naturalistica degli Alberoni, da dove si prende il traghetto per l’isola di Pellestrina. Scesi a Santa Maria del Mare si prosegue verso il porto di S. Pietro in Volta con la settecentesca chiesa attorniata da basse case di pescatori e da orti. Pedalando verso sud si incontrano prima il borgo di Portosecco, dove può capitare di incontrare ancora signore che lavorano al tombolo, e poi il centro pittoresco di Pellestrina con le abitazioni dei secoli XVI e XVII. I ciclisti più esperti possono spingersi fino all’estremità meridionale dell’isola, seguendo un percorso perilagunare non protetto, dove è possibile vedere l’antico forte e l’oasi naturalistica di Ca’ Roman. Da Pellestrina con il traghetto ACTV sisalpa alla volta di Chioggia, distante solo pochi chilometri.

GIORNO 8: Chioggia - Abano Terme - Montegrotto Terme. La via del sale e dello zucchero. Lunghezza 60 km
La cattedrale di Santa Maria Assunta, l’antica chiesa di Sant’Andrea e la torre medioevale, sono i principali monumenti del pittoresco centro storico di Chioggia stretto tra calli e canali. Da non perdere il variopinto mercato del pesce, tra la piazza e il Canale della Vena.
Oltre alla pesca, attività economica ancora fiorente, nel passato l’espansione delle saline fece di Chioggia la capitale del sale dell’Adriatico. Con questa tappa ripercorriamo la via del sale che dalla laguna arrivava alle città venete. Lasciato alle spalle l’ambiente lagunare attraversiamo distese agricole solcate da un reticolo di canali artificiali. A Correzzola incontriamo una costruzione cinquecentesca dal grande pregio architettonico: la corte benedettina. In questo territorio i monaci compirono grandi opere di bonifica e costruirono numerose corti rurali, ancora oggi abitate, a supporto dell’agricoltura e dell’allevamento. La tappa successiva è Pontelongo paese sviluppatosi dopo la costruzione di un grande zuccherificio nel XIX secolo che è ancora attivo. Si prosegue lungo l’argine sinistro del canale e si oltrepassa il centro, un tempo fortificato, di Bovolenta, dove confluiscono le acque provenienti da Padova a destra e dai Colli Euganei a sinistra. Il viaggio prosegue in direzione di questi ultimi che appaiono all’orizzonte con i caratteristici profili vulcanici. Le numerose ville venete, il borgo rivierasco di Pontemanco, i ponti in muratura e l’ex-abbazia di Santo Stefano sono tutti elementi che incontriamo lungo il percorso e che attestano l’antica origine di questa via d’acqua, oggi trasformata in pista ciclabile. Battaglia Terme caratteristico paese dei Colli Euganei dove un originale museo conserva la memoria della navigazione fluviale. Da Battaglia terme, Abano e Montegrotto Terme distano meno di 10 chilometri.

SlowirPartenze

Mesi disponibili:

  • Giugno 2021
  • Luglio 2021
  • Agosto 2021
  • Settembre 2021
  • Ottobre 2021
Date disponibili:

Il tour parte tutti i giorni.

Slowir Include

La quota comprende:

PERNOTTAMENTI
· Camera doppia in Hotel 3 stelle/agriturismo con mezza pensione
· 7 pernottamenti

PASTI
· 7 prime colazioni
· 7 cene in struttura

ASSISTENZA
· Assistenza telefonica 24h

MATERIALE DI VIAGGIO
· Materiale informativo con descrizione itinerari

ASSICURAZIONE
· Assicurazione RC e Infortunio

La quota non comprende:

· viaggio per raggiungere le località di arrivo e partenza
· i pranzi e le cene, salvo diversamente indicato
· gli extra di carattere personale
· le visite e gli ingressi - le mance
· eventuali tasse di soggiorno
· tutto quanto non specificato sotto la voce “la quota comprende”

Slowir Mappa

Slowir Pernottamento

Pernottamento in camera doppia con Mezza Pensione in Hotel 3 stelle o Agriturismo

Slowir Extra

Supplemento per camere singole (€20,00 a notte, su richiesta in fase di prenotazione)
Noleggio Biciclette su richiesta
supplemento bici elettrica 30 € al giorno
Trasporto Bagagli

Slowir Altre Informazioni

Attrezzatura consigliata:
• Zaino, con le tasche laterale con coprizaino per mantenere il tutto asciutto in caso di pioggia.
• Scarpe e calzini sono le cose fondamentali per evitare di avere problemi durante il tragitto come vesciche e dolori ai piedi. Scegliete scarpe con suola scolpita e caviglia alta per escursionismo, per quanto riguarda i calzini scegliete quelli anti vesciche senza dimenticare solette e calze di ricambio.
• Pile/Felpa: consigliata nel caso cambino le temperature durante la tratta
• Pantaloni da escursionismo, quelli modulabili sono i migliori per i viaggi a piedi, Sceglieteli traspiranti appaiati a sopra pantaloni antipioggia.
• Giacca anti vento/anti pioggia, consigliata per tenervi ben protetti in caso di giornate particolarmente fredde e ventose
• Ghette
• Torcia frontale
• Batterie di ricambio/Powerbank
• Borraccia da 1-1,5L
• Bastonici telescopici da escursionismo, utili per non affaticare troppo
• Occhiali da sole
• Crema solare
• Bussola
• Snack leggeri energetici (frutta secca, noccioline, barrette...)
• Cappello procuratevi un tipo a seconda della stagione in cui decidete di partire
• Kit di medicazione di base composto da garze, cerotti, ago e filo, accendino, disinfettante, forbicine, pinzette.

Come arrivare al luogo di base e di partenza:

Hotel***Ariston Molino
Via Cornelio Augure, 5
35031 Abano Terme PD
Partenza tour 12 Settembre 2020



NB: consigliamo di impostare sul navigatore o su Google Maps l’indirizzo di destinazione."

Slowir Cancellazione

Ci ripensi? Cancellazione Gratuita fino a 5 giorni dopo la prenotazione. Puoi cancellare la prenotazione e richiedere il 100% del rimborso entro 5 giorni.
In questo periodo di incertezza Slowit è al tuo fianco e ti permette di poter cancellare in ogni momento la prenotazione per decreti governativi che impediscono gli spostamenti, nelle destinazioni in cui hai prenotato.
Ti ricordiamo che, in caso di partenza di gruppo, se non verrà raggiunto il numero minimo di partecipanti, ti verrà rimborsata l'intera quota, comprensiva anche del deposito.


UNISICITI AL GRUPPO! Ti ricordiamo che stai visualizzando un tour di gruppo. Qualora non venisse raggiunto il numero minimo di partecipanti ti restituiremo tutti i soldi della prenotazioni

Slowit

Pagamenti Sicuri

Slowit

Soddisfatti o rimborsati

Slowit

Miglior prezzo garantito

Slowit

Migliori Tour Operator


8

Giorni

Slowit

bici

Slowit

individuale

Slowit

intermedio

Slowit

Tour anello

Tour organizzato in bici tra Venezia, Padova e Treviso

Slowit Partenza: Abano Terme Arrivo: Abano Terme

Livello: intermedio
Regione: Nord Italia, Veneto
Area turistica: Venezia, Padova, Vicenza, Treviso
Servizi Inclusi: assicurazione

SLowit

Numero minimo partecipanti: 2

Qualora il tour non raggiungesse il numero minimo di partecipanti tutti i soldi della prenotazioni ti verranno restituiti

Da

799,00 €

SLowit

Per la prenotazione è sufficiente pagare il 20% di deposito. Soddisfatto o Rimborsato!! Cancellazione gratuita fino a 48 ore alla partenza.

Per la prenotazione è sufficiente pagare il 20% di deposito.